Via Ferrata Bocchette Alte Brenta Dolomiti di Brenta - foto trekking trentino

Vai ai contenuti
Ferrate


Via Ferrata Bocchette Alte Brenta


La Ferrata delle Bocchette Alte si trova nella zona centro settentrionale del Gruppo Dolomiti di Brenta, ed è una delle ferrate del Brenta fra le più belle sia per i punti panoramici e il percorso che si suddivide fra salite su rocce e traversi su cenge scale in ferro e con tratti esposti attrezzati. Itinerario: Si arriva a Madonna di Campiglio e si va in località Vallesinella dove si trova un parcheggio a pagamento sono circa 5 km di strada asfaltata lungo il bosco.(Quando il parcheggio è pieno c'è il servizio con un bus navetta .) Dal parcheggio Vallesinella 1516 metri s.l.m. si prende il sentiero sat 317 sentiero boschivo che porta al Rifugio Casinei 1826 metri s.l.m. in circa 1 ora. Dal rifugio si prosegue sul sentiero sat 317 verso il Rifugio Tuckett 2273 metri s.l.m. in circa 1h20 con splendidi panorami sulle cime. Arrivati al Rifugio Tuckett si prosegue sul sentiero sat 303 vero la Bocca di Tuckett 2648 metri s.l.m. inizialmente si cammina su detriti rocciosi poi si comincia a salire sul nevaio fino alla Bocca di Tuckett. Arrivati alla Bocca di Tuckett sulla destra inizia il sentiero per la ferrata, inizialmente si sale su facili rocciette, con tratti assicurati da cordino d'acciaio, e una serie di scale in ferro il sentiero è segnato da punti rossi sui sassi, salendo lungo la parete nord ovest della cima Brenta. Si prosegue lungo il sentiero Enrico Pedrotti e la cengia Garbari attraversando la parete est della cima Brenta. Si arriva sul sentiero Dorotea foresti e figli, un tratto di sentiero esposto che aggira un canalone per proseguire lungo una cengia da prima salendo su rocciette per poi proseguire su sentiero attrezzato da un cordino arrivando su di un piano panoramico a sud della Cima Brenta. Si prosegue verso la Bocchetta Alta dei Massodi scendendo lungo una parete attrezzata da scale e cordino, si arriva ad un lunga scala circa 30 metri Scala Dell'Amicizia che consente di arrivare su di un pianolo Spallone dei Massodi. Si riscende dalle spallone si prosegue verso la Bocchetta Bassa dei Massodi. Inizialmente fra rocciette e piccoli canali serviti da cordino e alcune scali bravi, si aggira una cengia in piano, finito il tratto in piano si scende lungo una serie di scale e tratti con cordino. Si arriva ad affrontare un tratto diviso da 4 scale esposte, alla fine della 4 scala ci si trova su di una piccola cengia, c'è il bivio per il Rifugio Brentei a sx e a dx si prosegue per la Bocchetta dei Massodi, e il rifugio Alimonta. ( io sono andato verso il rifugio Alimonta) lungo una stretta cengia esposta fino alla forcella Bocchetta dei Massodi. Dalla Forcella si risale su per rocciette e una scala di ferro si arriva alla Vedretta dei Sfulmini dove finisce anche la ferrata. Da qui si scende dalla Vedretta su terreno di ghiaia e neve segnato da segni rossi sulle rocce, in circa 40 minuti si arriva al Rifugio Alimonta 2589 metri s.l.m. visibile in lontananza. Dal Rifugio Alimonta si prosegue su sentiero sat 323 in circa 50 minuti si arriva al Rifugio Brentei 2118 metri s.l.m. Dal rifugio Brentei si prosegue sul sentiero Bogani sat 318 sentiero che in circa 1h50 ci riporta alla Vallesinella ripassando dal Rifugio Casinei, ripercorrendo il sentiero dell'andata. Difficoltà: EEA escursionisti esperti attrezzati Tempo di percorrenze: 7 ore  TRACCIA GPS FERRATA BOCCHETTE ALTE DOWNLOAD

Torna ai contenuti