Via Ferrata Burrone Giovanelli Mezzacorona - foto trekking trentino

Vai ai contenuti
Ferrate


Via Ferrata Burrone Giovanelli

La ferrata Burrone Giovanelli si trova a Mezzocorona (Tn) ed è stata realizzata nel 1906 da Tulio Giovanelli medico di Mezzocorona appassionato di montagna, e nel 1940 come si legge nella targa posta pochi metri prima all'inizio del Burrone viene dedicata al suo realizzatore Tulio Giovanelli.
Itinerario: Arrivati a Mezzocorona si prosegue verso la località Ischia, percorrendo la strada sulla sx si vede anche il cartello in legno con la scritta  Sat di Mezzocorona, li c'è il parcheggio e alcune tavole con panchine. Dal parcheggio parte il sentiero sat 505 Via ferrata del Burrone Tulio Giovanelli 2 ore, dopo circa 10 minuti si giunge ad un bivio, sat 505A variante della via ferrata del Burrone Tulio Giovanelli e il sat 505 via ferrata del Burrone Tulio Giovanelli. Il primo sentiero sat 505A va verso sx porta ad iniziare la ferrata più sotto nei pressi di una cascata salendo lungo due scale verticali di ferro, con alla nostra sx la cascata, mentre il sat 505 porta alla fine delle due scale per chi vuole evitarle. Finita la salita delle due scale il sentiero e attrezzato da un cordino di sicurezza prosegue in orizzontale, per poi cominciare a salire fra rocchette con tratti non attrezzati, non difficili primo grado di difficoltà, si arriva ad un'altra scala breve che ci permette di superare una fessura nella roccia, per poi riprendere il sentiero fra le rocce. Si arriva alla targa commemorativa a Tulio Giovanelli, da qui poco dopo alcuni metri comincia il Burrone. Il passaggio inizialmente di alcuni metri è simile ad una galleria, aperta sul lato di sx non è molto alta ci si deve tenere bassi, superata questa parte si arriva ad una breve scala che ci porta nel letto del torrente. Si passa sulla sponda opposta dove ci sono dei scalini artificiali e cordino per risalire la roccia ed arrivare in un punto piano per poi proseguire e passere altre una roccia tramite un ponte di ferro. Da qui in poi il sentiero segue il corso del letto del torrente, sembra di essere dentro in un canyon, si arriva ad una grande cascata. Si prosegue superando delle rocce con un breve tratto di sentiero servito da un cordino di sicurezza. Passato questo punto di fronte a noi troviamo due tratti serviti da scale in ferro che portano all'uscita del canyon, per ritrovarci nella parte boschiva del sentiero. Dalla prima scala guardando verso la valle del canyon si possono vedere anche due vecchie scale che risalgono una roccia, io penso che erano quelle del sentiero originale pensato da Giovanelli, il sentiero è stato in parte modificato. Si prosegue sul sat 505 verso il Bait dei Manzi ci si arriva in circa 20 minuti su comodo sentiero boschivo.
Rientro: Dal Bait dei Manzi si può far rientro da due sentieri, uno verso il Monte di Mezzocorona in circa 40 minuti ci si arriva, per poi scendere o con la funivia o seguendo il sentiero che porta all'arrivo della funivia e da li far rientro verso Ischia circa 2 km. Il secondo sentiero scendendo lungo la strada forestale delle Longhe circa 1 ora arrivando direttamente al parcheggio.( io sono sceso da questa)
Difficoltà: è una via ferrata facile ma alcuni punti sono scivolosi e quasi sempre bagnati. Tempo di percorrenza: 3-4 ore
TRACCIA GPS BURRNE GIOVANELLI DOWNLOAD

Torna ai contenuti