Vie ferrate attrezzatura - foto trekking trentino

Vai ai contenuti
Info Trekking


Attrezature per vie ferrate

Per vie ferrate si intendono quei percorsi, generalmente su terreno roccioso, dotati di strutture artificiali come scale, funi metalliche, catene e pioli, che facilitano la realizzazione di itinerari impossibili o riservati ad alpinisti esperti. Questo tipo di arrampicata si deve tenere conto che non non ci si impone il problema di ancoraggi per soste come nelle arrampicate su roccia o ghiaccio, la catena di sicurezza deve ridurre subito l'impatto e l'arresto dell'escursionista che cade, che se eccessivo diventa pericoloso.
Set da Ferrata
:Troviamo 2 tipi di set da ferrata una a  V e l'altro a  Y le differenze fra loro sono:

Configurazione a V: Per funzionare correttamente il dissipatore deve essere è tassativamente collegato alla linea di sicurezza sempre e solamente uno dei due moschettoni alla volta.




Configurazione a Y:In questa configurazione invece il dissipatore può operare in modo corretto anche se è i due moschettoni sono collegati entrambi alla linea di sicurezza, con maggiori garanzie sulla loro resistenza. Per un corretto utilizzo di questo set si deve fare attenzione che sia libero da nodi o altri impedimenti il tratto di corda uscente dal dissipatore che viene definito con il nome di lasco. Per quanto riguarda le normativa UIAA 128 omologa solo il set a Y

Moschettoni:I moschettoni da ferrata sono dotati di una chiusura automatica con particolari caratteristiche tecniche. Sono realizzati in modo da garantire carichi e rottura superiori a quelli normali, e sono anche più robusti per quanto riguarda il sfregamento lungo la linea di sicurezza. I moschettoni da ferrata sono punzonati con il simbolo K dalla normativa EN 12275 .



Imbragatura:Troviamo 2 tipi di imbragature, imbragatura BASSA( fig.sx) e imbragatura COMPLETA o  COMBINATA (fig.dx). L'imbragatura BASSA è quella più utilizzata ed deve essere omologata  CE, norma EN 12277. Con questo tipo di imbragatura se si affronta una ferrata con uno zaino che sia leggero o pesante c'è il rischio di ribaltamento dopo una caduta con perdita di conoscenza da parte dell'escursionista rimanendo con il corpo ribaltato testa in testa in giù. Se si arrampica con uno zaino è meglio usare un'imbragatura COMPLETA o COMBINATA                                               

Casco:Il casco deve proteggere la testa e la colonna vertebrale dell'escursionista da cadute di pietre o ghiaccio e da urti contro la parete o altri ostacoli durante una caduta. Il casco deve avere l'omologazione europea EN 124292 , codice della norma, nome e marchio del fabbricante, nome e sigla del modello, dimensioni, anno di fabbricazione e periodo di garanzia sulla sicurezza.



Prima di affrontare una via ferrata ricordarsi che
:

  • Usare sempre il casco, imbragatura, set da ferrata, moschettoni certificati CE.

  • Usare moschettoni modello K che sono realizzati apposta per le ferrate.

  • Controllare sempre il corretto collegamento del set all'imbragatura.

  • Se si utilizza un set a Y ricordarsi di agganciare sempre i due moschettoni alla linea di sicurezza e di sganciarli uno alla volta per superare l'infisso di frazionamento. Se invece si utilizza il set a V collegare un moschettone alla volta alla linea di sicurezza, tranne per il superamento del punto di frazionamento dove i due moschettoni devono essere collegati entrambi. Diffidare dai sistemi a V che non permettono di mantenere entrambi i moschettoni collegati

  • Non usare un moschettone per collegare il set da ferrata all'imbragatura, ma utilizzare le fettucce che sono cucite al set, o la corda del set, oppure utilizzare un semiround o maglia rapida certificato per alpinismo tipo Q.

  • Mantenere un lasco di corda in uscita dal dissipatore di almeno 1,20m facendo attenzione che non ci sia nulla che intralcia il suo scorrimento nel dissipatore. Sostituire il materiale usato dopo un volo.

  • Controllare lo stato e la sicurezza delle attrezzature e delle corde fisse prima di usarle.

  • Procedere uno alla volta lungo il frazionamento e lasciare un frazionamento libero tra chi precede e chi segue

     PER  APPROFONDIMENTI CONSULTA LA PAG. DEL SITO MANUALI DI SICUREZZA IN MONTAGNA

Torna ai contenuti